lunedì 25 agosto 2014

Una cena di campagna

Questa è la stagione della creatività e delle cose belle, degli incontri speciali, e delle novità. E' passata in un soffio e ora che sta finendo, mi sembra di non averne ancora abbastanza. Matrimoni da sogno, collaborazioni inaspettate e nuove amicizie (come quella con lei), progetti stimolanti e posti particolari che non vedo l'ora di mostrarvi (e tante altre cose ancora verranno più avanti, in autunno). Ma anche tanta voglia di rilassarmi, lo confesso, di dedicarmi un pochino alla mia nuova casa, e di godermi la mia famiglia e gli amici


countryside

candles

wild flowers

countryside

wild flowers

wild blooms

table setting

centerpieces

countryside

table setting



Era un po' che non scrivevo sul blog, diventa sempre più faticoso aggiornarlo con regolarità, ma ora per tutti gli aggiornamenti in tempo reale potete sempre seguirmi su Facebook, Instagram, Twitter e ora anche Steller (mi trovate con @biancoantico). Quest'ultimo è un nuova applicazione per I-Phone (purtroppo per il momento non ancora disponibile per Android) dove si possono creare delle piccole storie e condividerle con il resto del mondo, è un nuovo social molto interessante che sono sicura prenderà piede in breve tempo. Io mi sono subito appassionata, se volete dare una sbirciatina alle mie storie potete farlo QUI 



table setting
                                      tableset

countryside



Agosto è senz'altro il mio mese preferito, ad agosto ho il tempo di pensare, di fare le cose che mi piacciono, e succedono sempre meraviglie. Come il compleanno di mio marito, che festeggiamo sempre con una semplice cena in campagna tra amici. Di solito succede alla fine di agosto e per me organizzarla è come una grande celebrazione. Al mio amore, al mio mese preferito, alla fine dell'estate, salutando la stagione più bella dell'anno. 




Ben ritrovati
















mercoledì 23 luglio 2014

Provenza, incantevole e diversa: la campagna e il brocante

Nel Dipartimento di Vaucluse sorge una delle cittadine più carine della regione, Isle Sur La Sorgue, percorsa da canali e famosa per il brocante.  Se siete qui e desiderate soggiornare in un posto particolare, non ho alcun dubbio che Campagne Boudeloup  sia quello che fa per voi, ovvero lo stile che ci si aspetterebbe di trovare in un'antica Maison de Charme provenzale. Immersa in una vegetazione ricca e selvaggia, arredata con mobili d'epoca e cimeli di famiglia, immersa nella quiete, e dal fascino un po' decadente, questo posto rapisce il cuore e immerge in un'atmosfera d'altri tempi.



Provence

Maison de Charme

Maison de Charme

Maison de Charme

Provence

Provence

Provence

Campagne Boudeloup

Provence

Isle sur la sorgue

provence



A Isle Sur La Sorgue la piacevolezza è sorseggiare un aperitivo in uno dei bar che si affacciano sui canali, passeggiare fra le case punteggiate dai colori brillanti di facciate e persiane e naturalmente, fare acquisti nei mercatini. Per chi è appassionato di brocante ed è in quella zona alla ricerca di tesori, devo segnalare il mercatino del sabato mattina ad Avignone (quello a Isle si fa solo la domenica). Sembra che molti professionisti del settore vadano a comprare lì e che poi rivendano a quello di Isle Sur La Sorgue, più conosciuto e senz'altro più turistico. Io in quello di Avignone ho fatto affari d'oro ;-)



Isle sur la sorgue

isle sur la sorgue

isle sur la sorgue

provence

brocante




{Dove andare a cena? Se cercate un posto specializzato in cucina tradizionale provenzale, vi consiglio Le Carré d'Herbes. La cucina mi è piaciuta molto e l'ambiente era delizioso (il personale un po' meno). Si trova in un cortile all'interno del quale sono dislocati anche una serie di negozi d'antiquariato; la sua particolarità sono i tavoli disposti in un'antica voliera (o forse lo scheletro di una vecchia orangerie, non saprei) e l'arredamento, squisitamente vintage e tres chic!}



provence

provence

provence

provence

provence

provence

provence

provence

isle sur la sorgue

isle sur la sorgue

Ho concluso il mio breve viaggio nell'elegante e signorile Aix en Provence, capitale storica, artistica e culturale della Provenza (dopo Marsiglia), e girellando nella campagna circostante. Ho soggiornato a Villa Roumanille, e fatto gli ultimi acquisti compulsivi al mercatino brocante della domenica. Con grande giubilo di mio marito, che avendo sottovalutato le mie intenzioni bellicose, MAI si sarebbe aspettato di tornare a Roma con due valigie in più (vintage, comprate sul posto) piene di cornici, cappelli, ferraglie, tessuti, ottoni, ampolle e anticaglie varie. Ingenuo, lui :-)














Quest' incantevole Provenza è stata senz'altro diversa da quel che mi aspettavo, e forse mi ha un po' deluso non aver visto neanche una pianta di lavanda (a giugno non è ancora fiorita, è preferibile andarci a luglio)! Ma comunque mi ha regalato più di qualche suggestivo scorcio e alcuni tramonti davvero memorabili, in alcuni luoghi ho trovato quell'atmosfera speciale che cercavo ma soprattutto, ho riportato a casa due valigie colme di polverosi cimeli e di ricordi preziosi. E' stato un viaggio breve ma altrettanto intenso e stimolante, in una Provenza vera, nient'affatto scontata. E con questo si conclude il mio piccolo Tour de France, se vi siete persi la prima parte la trovate QUI





à bientôt!












domenica 13 luglio 2014

L'estate in tasca

Mi hai riempito le tasche di conchiglie, ora la mia gonna tintinna allegramente e posso sentire l'estate ad ogni passo. Ti ho regalato un granello di sabbia, perché ne potessi fare grandi cose. Tu mi hai costruito un castello, per farmi sentire una regina.














Oggi la felicità è saltare nell'acqua con tutti i vestiti, il tempo che dedico a noi, il sale che mi brucia la pelle, il fragore delle tue risate, l'estate. Quest'estate è nostra, la porteremo sempre in tasca. Come le conchiglie che mi hai regalato


















Dammi la mano amore, oggi ti porto al mare













...














Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

ShareThis